Una città, tante città. Fra i templi buddhisti ed il mercato delle mogli.

No Comments

Shanghai è un’Asia differente perché concentra in se realtà molto diverse, modalità di vita ed architetture diametralmente opposte.

Lunghi viali di importanti negozi dei marchi più famosi del mondo dai quali, in due traverse, si arriva a casette più basse, ristoranti tradizionali, venditori di pesce che espongono in strada. Il quartiere della concessione francese ad esempio è come fosse una cittadella a sé stante: quasi un ghetto per occidentali espatriati, cinesi amanti di ristoranti alla moda, vecchie case tradizionali ora ristrutturate e molto costose. Con una fermata di metro o meni, camminando, si cambiano prospettiva, scenario, utilizzo della città. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

China taxi

No Comments

8612023A-569A-4A7D-A28D-20DDE583D65D

La mattina è ancora pioggia ed anche ritardando l’uscita non abbiamo ottenuto un momento davvero propizio per uscire.

Oggi è il giorno dei taxi quindi e più ancora dei tassisti perché camminare sotto l’acqua cercando le strade infestate dai motorini elettrici sarebbe improponibile. Così corse in taxi da e verso i templi buddhisti (vedi prossimo capitolo)

La guerra linguistica prosegue ad ogni incrocio e non basta fargli leggere l’indirizzo sulla guida od il nome del posto in lingua cinese perché prima di partire il tassista dirà comunque una qualche interminabile frase che a volte sembrerà una protesta, altre una domanda, alcune volte un perplessità. In ogni caso sarà incomprensibile come il fatto che non riescano a parlare nemmeno 4 parole base in inglese, 4 parole che possano consentirgli di lavorare al meglio. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone


free counters