Europa unita: fra false differenze, stereotipi e scarsa etica.

No Comments

Questo post è stato letto 84 volte!

L’Europa è sempre più unita e le differenze fra stati sempre meno. 

Non ci credete?
La virtuosa Germania fatta di regole, serietà e governi stabilissimi, infatti, sta dimostrando che le differenze fra stati vanno assottigliandosi o che, meglio ancora, forse non ci sono mai state. Dietro un bel vestito pubblico emergono in realtà malcelati problemi di etica ben peggiori che altrove. 
Purtroppo da noi la stampa si occupa di piccoli politicanti e di problemi serissimi quali l’estate 2020 e le migliori kisure da adottare per andare al mare in sicurezza preoccupandoci delle difficoltà economiche di stabilimenti balneari che per anni hanno evaso le tasse e mai rispettato natura e clienti. Un inciso: Che questa pandemia abbi allineato il loro reddito con quanto hanno sempre dichiarato? 
Insomma in Germania funziona tutto, perfino Il malaffare!
La Bayern compra la Monsanto nel 2016: l’azienda ben nota produce il glifosato, erbicida che si scopre essere potenzialmente cancerogeno dopo battaglie a colpi di analisi contrastanti, Do0o che altrove viene vietato e dopo che, invece, in Europa, proprio per l’acquisizione tedesca (è lecito e ragionevole pensarlo), viene a malapena “sconsigliato”. Copia ed incollo da Wikipedia:

Valutazioni successive dell’OMS, della FAO e della ECHA[modifica | modifica wikitesto]

A maggio 2016 anche una riunione congiunta di esperti della Organizzazione mondiale della sanità e della FAO sui residui di pesticidi (JMPR) ha concluso che “è improbabile che il glifosato comporti un rischio cancerogeno per gli uomini come conseguenza della esposizione attraverso la dieta”.[24]

Nel marzo del 2017 un nuovo studio della ECHA (l’agenzia per le sostanze chimiche dell’Unione) ha concluso che il glifosato non può essere considerato cancerogeno né genotossico[25].

Però la Bayern, lo scorso 24 Giugno ha firmato un accordo per chiudere tutte le cause presenti e future intentate da persone che si sono ammalate a causa pesticidi a base di glifosato. 

Per cui siamo sicuri che l’Europa, la OMS, l’Italia abbiano valutato ed agito secondo etica? La Germania in tutto questo non è intervenuta sebbe sia amante di regole e normative stringenti. 

Lasciamo perdere, pensiamo alle ferie…

Già, ma per partire serve un aereo e vogliamo sceglierlo affidabile, come Lufthansa! Ecco, la compagnia tedesca è praticamente fallita ma interverrà il governo con ingenti aiuti. Ah, ora il problema di falsare la concorrenza con aiuti di stato così come si pose per Italia ed Alitalia non si pone?

Allora niente vacanze, si lavora!

In Italia si evadono tasse ed esiste il problema del lavoro nero, non si rispettano le regole: in Germania invece scoppia un focolaio di COVID-19 nel più grande macello dove lavorano immigrati più o meno regolari provenienti da est Europa, persone che vivono, sottopagate, in alloggi simili ai pollai, in condizioni precarie sotto ogni aspetto. Ma l’azienda Tonnnies è di interessa nazionale vista la portata degli affari e quindi poco clamore nonostante sia stato necessario chiude alcune zone. 

Sempre su lavoro e regole, la Wirecard, invece, colosso informatico tedesco Che si occupa di pagamenti digitali ha falsificato per  anni i bilanci frodando investitori e revisori. 

Ecco, per la gente che va blaterando del vivere bene negli altri paesi dove tutto funziona, per la gente che si nutre di stereotipi razzisti, per quelli che hanno serie difficoltà di comprensione di concetti e testi semplici, per la gente tipo quella che ora sta parlando qui in treno con somme teorie sul mondo e sulla gente non rispettando regole del comune buon senso né precauzioni tipo uso mascherina, questi fatti dovrebbero rappresentare chiarissime dimostrazioni. Ma per saperlo devi informarti , leggere, capire.

Il problema è tutto lì. 

È verissimo, non siamo tutti uguali, ma il colore della pelle o la nazionalità non c’entrano nulla. 

Questo post è stato letto 84 volte!

Condividilo....Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Devi essere connesso per commentare.


free counters