Dedicare

No Comments

dedicare

 

Io ti dedico l’odore delle botteghe da calzolaio,

lo sbuffo finale del rifornimento gpl.

Io ti cedo il primo bicchiere della bottiglia di coca-cola,

ti regalo il rumore della palla da basket che rimbalza sul cerchio.

Il caldo umido delle strade deserte di Roma quanto è notte,

l’odore che si infila nel casco quando laggiù ha già piovuto,

il pulsante “on” del sinto-amplificatore,

il borbottio della Vespa che parte (quando parte).

Ti dedico l’abbraccio dei giocatori di una partita vinta, in un campionato fatto di sudore e delusione, vecchie glorie e speranze che andranno perdute;

io ti regalo gli ultimi minuti di un film, quella scena che non ricordavi, quella che speravi fosse stata girata,

l’odore del giornale appena comprato,

il rumore dell’acqua che passa a “pezzi” nei termosifoni, l’odore che rimane sulle mie dita quando la mattina verso il caffè appena pronto.

Ti dedico la sensazione di passare la sabbia nelle mani ed il godimento di pensare che quello sia il tempo che passa e che puoi lasciarlo passare, poi riprendere e ricominciare.

Io ti regalo la sensazione che ti sorprende di notte, quando hai freddo e tiri giù la maglietta sulla schiena che s’era scoperta.

Ti dedico tutte le cose che non ho il tempo di scrivere , che non ricordo, che penso a sprazzi, quando posso, mentre scendo dall’autobus, mentre ho il libro aperto e non sto leggendo, tutte quelle cose così grosse da riuscire a riempirmi,saziarmi, troppo grosse da non potermi uscire di bocca.

Io ti dedico la prossima birra.

 

 

 

 

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Aspettare

No Comments

 

Aspetto di prendere sonno, mi giro nel letto.

Aspetto. Soltanto.

Aspetto che mi senta apposto, che arrivi il sonno, che il giorno sia distante.

Ho aspettato che la birra facesse effetto, poco fa, che fungesse da anestesia leggera, amnesia temporanea; la seconda invece l’ho bevuta aspettando che la prima..

Aspettare che la sveglia suoni, come quando ti sei svegliato qualche attimo “prima che” e non sai se dovrai esser triste oppure no.

Che il blog, questo blog, prenda vita: aspettare di finire di scrivere, aspettare l’idea buona, il coraggio di chiudere gli altri progetti, di riprendere in mano vecchie e nuove storie.
Aspettare il coraggio dimettere un punto, quel punto…

Ed allora aspetto, rimando, temporeggio.
Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Articoli più recenti


free counters