Legami

No Comments

Questo post è stato letto 544 volte!

legami

 

Non gli sembrava possibile vederla sfilare davanti a se, lenta e bella come forse non riusciva a ricordarla da un po’.

Lei sentiva il collo strozzare, si era sentita tirare via senza un vero motivo ed in dovere di accelerare il passo, anche se poi la magia del momento aveva fatto si che un attimo dopo fosse più libera, proprio mentre gli era difronte, così lenta da riuscire ad incrociare i suoi occhi, a fissare le sue labbra.

Un bacio veloce, sfruttando la situazione, un sapore che ricordavano perfetto e semplice, una scossa, un brivido feroce.

Uno, solo uno, ma tanto bastò ad innamorarlo ancora, a drogarlo e renderlo instabile, subito dopo, vedendola allontanarsi piano senza che lei potesse avere l’occasione di tornare indietro e fermarsi, dire che no, era soltanto uno scherzo, che non sarebbe andata via di nuovo.

Ma lei non seppe voltarsi e lo lasciò insicuro e pestare i piedi sul posto, senza sapere far nulla, senza prendere una decisione. Si annusò e leccò le labbra nella speranza di sentirsi ancora sfibrato da quel bene assoluto.

Poi proprio quando tutto sembrava andato e nessuna occasione rimasta lei si era voltata a guardarlo. Gli aveva fatto capire capire con un solo sguardo quello lui andava cercando, la conferma che anche lei avrebbe voluto e che era solo la situazione a non permetterlo.

Lui aveva allora sentito spezzarsi dentro qualcosa, sentito come ingestibile la voglia di lei, dei pomeriggi insieme, a passeggiare, delle notti a consumarsi dal bene, ad urlare felici in strada mentre la gente dormiva insoddisfatta.

Se avesse avuto parole le avrebbe urlato dietro, per convincerla, nel dubbio non avesse voluto, nel dubbio non fosse vittima della situazione ma che in qualche modo avesse scelto di andare via. “Vieni qui, ripara il mio cuore, ricuci la mia ferita, la tua stessa, di tanti fa. Torna da me, un bacio ancora, per cominciare, per costruire e poi andare“.

Il guinzaglio la guidava severo più distante da lui.

Due cani, illuminati dalle luci di un negozio di quartiere, dall’intermittenza di una sigaretta nervosa che fumavo immaginando la loro storia, così simile a quella di poco prima, vista là nei corridoi appena fuori dalle banchine del metrò: due compagni di vita, qualche anno sulle spalle, un’emozione purissima di qualche bacio svagato, camminando sferzati dalla corrente che andava infilandosi in galleria, spettinando pensieri, sollevando la serata.

 

Massimo

 

 

Questo post è stato letto 544 volte!

Condividilo....Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Email this to someone

Lascia un commento

Devi essere connesso per commentare.


free counters