Un meraviglioso declino

No Comments

Fitting-Room

 

Sono entrato alla Sisley senza un’idea vera e propria, ne sono uscito con la chiarissima convinzione che i camerini sono progettati male.

Perché sono così piccoli, sporchi e stretti? Do gomitate ovunque, vestendomi.

Non ci sono punti di appoggio, sgabelli per sedersi ed allacciarsi le scarpe e più che altro quello che non dovrebbe esserci, c’è: lo specchio.

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Ombrelli

No Comments

 

Loro lo sanno.

Altro che la radio, la tv oppure internet.

Li vedi la mattina presto, quando il bar sta aprendo e loro sono già appostati.

Coma fanno a saperlo? Chi li avverte? Perché i siti web non ottengono lo stesso risultato pur essendo collegati ai satelliti?

“umbrello, umbrello, umbrello”. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Quesiti esistenziali: è amore ?

No Comments

Come non trovare posto, nella categoria apposita, al principe dei quesiti esistenziali?

Poco da dire, la domanda ha strangolato alcuni di noi almeno una volta nella vita ed ad occhio direi che continua a farlo.

Banalità, lo confessiamo. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Quesiti esistenziali remix

2 Comments

 

… che vuol dire “aperto coupons” sul cartello dei benzinai ?

Perché la gente mette le dita nel naso e poi in bocca… ?

Perché io non c’ero proprio oppure arrivavo solo dopo ?

Ero secondo,  non c’ero quando….

  • i Nirvana,
  • Rino Gaetano,
  • Luigi Tenco,
  • le migliori offerte nei megastore,
  • il lancio dei panini nuovi del mc donald’s,
  • le baguette più cotte in baguetteria,
  • l’ultimo parcheggio  in metropolitana.

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Quesiti esistenziali: la droga negli anni 80…ma perché ?!?!?

No Comments

Imprecisate amiche di mia madre la convinsero che alcuni spacciatori erano soliti mettere droga negli angoli delle pagine dei libri, giornali, riviste.

Anni 80, il tam tam non era per e-mail o facebook ma al mercato oppure in pausa pranzo al lavoro, cambiandosi alla mattina , parlando fra colleghe, commesse della Standa.

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Articoli più vecchi


free counters