Nick Cave e la trilogia sull’amore

No Comments

Cave,

Grotta, caverna.
Nomen omen avrebbe scritto qualcuno.
I suoni delle sue canzoni, delle sue opere, sono infatti cavernosi, a tratti gutturali, cupi, troppo semplicemente tristi secondo molti.
Così Nick Cave rimane confinato in un alone di semi notorietà almeno qui in Italia: australiano, classe 1957, famoso ed apprezzato altrove, considerato appunto troppo cupo per la nostra cultura musicale a tratti troppo impegnata con scolastiche rime baciate.
Discografia complessa ed evoluta, ancora in corso, grazie a Dio, composta di album piuttosto diversi fra loro per genere e concetti, per testi e citazioni.

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Ritratti

No Comments

20130902-001825.jpg

Lungo la strada abbiamo parlato con una piccola famiglia tamil che vive coltivando e vendendo anacardi.
Piccole capanne di foglie di cocco a bordo strada, facce asciutte, nere e serie.
Facce sovraesposte nella fretta di uno scatto rubato fra imbarazzo ed indecisione, sentimenti che mi accomunano agli improvvisati, serissimi ed impettiti modelli.

Sono sicuro che pochi hanno mai visto la pianta ed i frutti degli anacardi. Un grosso frutto da cui penzola, come fosse una coda posticcia, l’anacardo. Per quanto riguarda noi occidentali gli anacardi potrebbero crescere benissimo nelle ciotole da aperitivo ma in realtà nascondono ben altre procedure e storie.

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Mamallapuram

No Comments

20130829-191207.jpg

Niente di emozionante a Chennai, fatto confermato anche dalla guida da leggere.
Così si decide per una visita al tempio Hindu di Kaapaleeshwarar dedicato a Shiva. Torre multicore composta da statue di varie divinità all’ingresso, giro interno ( ricordate, in senso orario) e necessariamente senza scarpe per il godimento del guardiano delle scarpe poco più avanti: mancia di 20 rupie, circa 20 centesimi di euro.
Cattedrale si San Tommaso, si, l’apostolo dubbioso: poco da notare se non il fatto che i quadri degli apostoli sembrano raffigurare divi dei fotoromanzi anni 70 con barbe cesellate, appuntite, capelli impomatati e bei sorrisi imbonitori.

Secondo leggenda in questa cattedrale è presenta la prima tomba dell’apostolo morto per martirio su una vicina collina (al tempo città, oggi quartiere della città).

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone


free counters