Nick Cave e la trilogia sull’amore

No Comments

Cave,

Grotta, caverna.
Nomen omen avrebbe scritto qualcuno.
I suoni delle sue canzoni, delle sue opere, sono infatti cavernosi, a tratti gutturali, cupi, troppo semplicemente tristi secondo molti.
Così Nick Cave rimane confinato in un alone di semi notorietà almeno qui in Italia: australiano, classe 1957, famoso ed apprezzato altrove, considerato appunto troppo cupo per la nostra cultura musicale a tratti troppo impegnata con scolastiche rime baciate.
Discografia complessa ed evoluta, ancora in corso, grazie a Dio, composta di album piuttosto diversi fra loro per genere e concetti, per testi e citazioni.

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Frammenti

No Comments

Attentato-Parigi

Roma è ostaggio di allarmismi derivanti dai fatti di Parigi di venerdì scorso. La metro va a singhiozzi e c’è polizia ovunque, militari che paiono così giovani ed inesperti che guardandoli non sai mai se il pericolo siano gli attentati od i loro venti anni abbinati al fucile che cullano in braccio.

Ancora un’attentato islamico e centinaia di vittime colpevoli solo di essere “infedeli”, di essere usciti a vivere il loro venerdì, chi in teatro, chi al ristorante. In tv siamo ostaggi della retorica d’assalto che insiste ad insegnarci banalità del tipo “non sono tutti così”. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone


free counters