Hindu meal

No Comments

quatar Doha to Yangon
Così dopo un sonno riparatore dell’ultimo periodo di lavoro e  della cena siciliana di ieri sera che mi fa sentire felice, grasso ed in colpa, ci siamo svegliati poco prima della sveglia, ma senza il fastidio che poi ne nasce quando succede e ti tocca andare a lavoro.
Il solito zelo dei parcheggiatori mi sveglia subito dopo aver ripreso sonno, ascoltando il rumore dell’acqua della doccia. “Per le 6.40 sarò lì, ok
Va tutto liscio: Roma è così svuotata che pare un campo da basket dopo una sconfitta. Stavolta lo zaino pesa perfino meno perché invecchiando porto meno cose anche se sono certo di aver dimenticato qualcosa e di aver potato qualcos’altro di inutile che mi riprometterò di non portare la prossima volta: la maglia blu, maniche lunghe, dell’Honda non so nemmeno più se mi va bene e l’ultima volta l’ho indossata è stato in Australia 2 anni fa, più per stizza verso me stesso che per bisogno; era davanti l’Uluru. Penso di averla indossata in tutto 4 volte ma di averla portata in ogni viaggio.
Lasciamo il bagaglio al drop off e lì la scoperta: non so se per qualche prova che ho fatto quando l’app della compagnia aera funzionava male o chissà che altro, fatto sta che io adesso quando viaggio ho sempre un pasto hindu. Di suo la scelta non è preoccupante né malaccio ma insomma non è voluta e considerata la cucina indiana, soprattuto a colazione, il fatto può essere pericoloso a livello digestivo.

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Pechino, di corsa!

No Comments

Tramonto al tempio del cielo

Pechino merita forse più giorni di Shanghai.

Rivedendo i programmi causa città proibita chiusa di lunedì, trasferimenti per la muraglia cinese sempre affollati e trani ed aerei verso le altre nostre tappe siamo strati costretti ad alzare il ritmo dei nostri giorni così che la media chilometri al giorno si sia attestata sui 10 e che alla sera le gambe risultino piuttosto pesanti.

Ringrazio Dio, Buddha, o chi altri per la temperatura del tutto accettabile ossia sui 30 gradi senza umidità, cosa che in Asia è un assoluto colpo di fortuna. Nessun segno del pesantissimo inquinamento che affligge la nazione nei maggiori centri: grazie a vento a e pioggia infatti il cielo è più limpido anche se il mondo non è più pulito visto che appunto il vento ha spinto più in là il tutto.

Fatto sta che spesso nelle case occorra installare un purificatore di aria per sopperire all’altissimo tasso inquinamento e che addirittura nei templi sia indicato di accendere incensi votivi nei giorni di inquinamento, segno che in quella occasioni la visibilità sia scarsa di suo…immaginate la vivibilità. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Scirocco

No Comments

rosa dei venti

Ieri la sera m’è caduta in testa come un libro mal riposto nello scaffale.

La prima sera, qui a Roma, pare un quadro dipinto di fretta, leggermente sfocato; si può vedere facilmente la scia rossastra che lasciano le luci delle auto che si affettano sulle strade.

E soffia a strattoni un vento sconclusionato, caldo e fastidioso: mi agita.  Mi sono ricordato che in Volver, film di Almodovar, dove c’è un personaggio che afferma che il vento faccia impazzire le persone. Forse è vero, spettina i pensieri, compresi i miei. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Camminare

No Comments

used shoes

Ho bisogno di scarpe nuove. Anzi, no, ne ho voglia, E’ diverso.
Ne ho misurate un paio, in pausa pranzo, vicino l’ufficio. E’ banale eppure non ci avevo mai pensato: comperiamo scarpe da indossare, non per camminare. Compriamo scarpe per il colore, nemmeno per la qualità, scarpe per la forma e non scarpe per camminare.

A pranzo ho incontrato gente che si nutre, senza mangiare: trangugiare panini velocemente, prenotare per avere prima un piatto di pasta mezzo scondito da arrotolare ed ingoiare per lasciarlo colare ed aggrovigliarsi nell’intestino, nel corpo, un corpo che mentre assorbe l’ultimo boccone già corre ad accomodarsi alla scrivania.
Senza piacere per il gusto dell’abbinamento, per i sapori e le spezie. Nutrirsi: allora basterebbe una pillola per astronauti oppure un blocco di riso lesso così cubico da far più volume di quanto non ne faccia geometricamente, dentro la pancia. Io mangio, e  lo faccio lento: veloce solo se ho fame. E’ diverso, vi giuro. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone


free counters