Bilanci veloci

No Comments

fast clock

Come quando è venerdì pomeriggio d’estate e l’ufficio si è svuotato. Così ho fatto una ronda fino giù al distributore del caffè, mentre Miles Davis suonava tranquillo di là nella mia stanza.

Passando davanti alla stanza di Vale ho sentito l’odore dei bicchieri che all’asilo contenevano i pastelli colorati: è chiaramente quello stesso e facendo finta di niente, camminando ancora, ho rivisto me stesso fra quei corridoi della scuola. Ho rivisto gli attaccapanni  bassi,  appesi lungo i corridoi fuori dalle classi; ho rivisto  tutte le piccole giacche appese lì: oggi non funziona più così e gli attaccapanni sono dentro  ogni  classe perché il mondo è più brutto e le persone malfidate. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Estate

No Comments

estate romana 3

C’era l’estate a Roma, l’estate classica, diversa da questa che da quando ho memoria è la più la fredda e piovosa, diversa da quella classica e rassicurante che aspettavamo.

L’estate di Roma è nei concerti lì nei parchi, nelle serate alle ville comunali tirate a lucido; l’estate è nel prolificare dei cartelloni dei concerti dei gruppi indie rock, alternative rock e combat folk; in tutti i capelloni vecchi e nuovi, nelle bancarelle attorno Castel Sant’Angelo, piene zeppe di libri illeggibili, in quelle rionali che vendono  soprammobili in plastica riciclata e tutte quelle altre cose che finisco per comprare perché convinto, accecato della loro estrema bellezza: tutti oggetti che  immancabilmente finisco sempre per non usare. Il punto è che lì per lì, sul posto intendo, tutto quello mi fa sentire bene, come immerso in una atmosfera di rinnovamento positivo, di cambio di marcia, e di leggerezza. Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Floid’s, la barberia

No Comments

floid la barberia 1

Così uscendo dall’ufficio ho incontrato ancora il tassista jazzista, quello che al parcheggio taxi del grand’ hotel vicino piazza della Repubblica suona la tromba, accompagnato dal sottofondo del pianoforte,  della sua autoradio, quello che suona mentre aspetta che arrivino i clienti.

Ogni volta che lo incontro penso sempre al tipo che a Perugia sta li nei dintorni di corso Vannucci: il tipo con i dreads  e la sua fisarmonica: a raffica suona pezzi della colonna sonora del mitico film Il favoloso mondo di Amelie, un film che poi, in qualche modo, mi ha cambiato la vita.
E mi ricordo che gli voglio bene, perché è una delle mie certezze della vita: io vado a Perugia, prenoto sempre allo stesso ristorante (Civico 25), ordino sempre gli stessi favolosi piatti, e nel pomeriggio precedente passeggio, e lui è sempre lì: lui e la sua fisarmonica: e ci spendo minuti a starlo ad ascoltare, e credo ormai perfino lui si ricordi di me.

Allora, ho pensato, fosse il giorno giusto per andare da Floid’s, la barberia arredata in stile America anni 50/60: musica rockabilly, folk, country in sottofondo. Acconciature a tema, foto di Evlis ovunque, arredi  (vedi foto), semplicemente da urlo.
La barberia è nel quartiere africano (Metro b1 fermata Libia), vicino Montesacro, dove sono nato. Il barbiere è Paolo, piemontese, trapiantato qui per un amore poi sfumato. Il negozio è da visitare, gustare, vivere, ascoltare: in fondo a destra ci sono un pianoforte e delle chitarre: è possibile, volendo, improvvisare anche concerti, piccoli eventi a tema.

 

floid 2floid 3
Inutile descrivere quello che le immagini possono spiegare meglio delel mie parole. Dico solo che è un piacere, che è una barberia moderna con gusto al passato, che seduti in attesa potrete leggere fumetti e riviste dell’epoca (riviste di moto degli anni 80/90), fumetti tipo l’Intrepido (poggiato sulle mie gambe in foto).

Almeno stavolta scrivo poco, e lo faccio con gusto. Vi lascio guardare qualche foto, pensando che sarebbe bello andare lì, parlare di musica, del passato, scherzare col bambino capriccioso che si lagna per il taglio di capelli, ricordare di mio padre, annusare Floid, il dopobarba mitico del quale ho scritto, qui sul blog, parecchia pagine fa (QUI).

Sarebbe bello andare dire fare leggere pensare, ricordare. Io l’ho fatto, ne è valsa la pena.

floid 4

floid 5floid 5

Massimo

 

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Odori

No Comments

sent of woman

Ecco, dell’odore delle ricevute fiscali,  di quello della gomma pane, non ti ho parlato.

Dell’odore del pepe appena macinato, quando cucino e mi fermo ad occhi chiusi ad annusare,

di quello d’asfalto caldo, bagnato da poca pioggia d’estate, qui a Roma.

L’odore di quella mia smorfia a mò di bacio che scocco per annusare i miei baffi se ho fumato un Toscano Originale: tabacco e la mia saliva, mescolati.

Quello persistente dei tuoi baci sulla mia bocca, del sapore della tua saliva con la mia: meravigliosa sinestesia ! Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Il viaggio lungo

No Comments

long way

Dolce Sophie, sono stanco, parecchio: ho appena finito di preparare il mio bagaglio. Ho riordinato tutto e legato, protetto, quel che dovevo.

Dalla camera ascolto i rumori delle poche auto in lontananza: al buio cerco il sonno, prego Morfeo perché arrivi e perché  mi porti a domattina, quando poi partirò ancora. Sono eccitato per questo viaggio, tanto da non prendere sonno e da sentire accelerati i pensieri.
Sdraiato a pancia in su le ombre sul soffitto sembrano un grafico piuttosto chiaro e per niente spaventoso: ora riassumo, incasello, ora rivivo un po tutto.
Aveva ragione Cobain, il peggior crimine è l’inganno. Per quanto non riesca a credere a questa tesi sento dentro qualcosa spezzato, tradito: una delusione piuttosto forte per il mancato rispetto.
Che spreco tutto questo, Sophie: che senso ha, ora?

Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Articoli più vecchi Articoli più recenti


free counters