Imbrigliare, accusare

No Comments

 

Sei lo specchio del modello che la società ci ha costretto ad accettare, quello stesso modello in cui ci è stato detto di credere sia quello per cui siamo progettati.

Il modello cui l’uomo dovrebbe aderire, secondo chi, o cosa, questo no, non ci è dato sapere. Credere ed obbedire freddamente, omologarsi.

Sei imbrigliato nella struttura dei rapporti rassicuranti propri di famiglie che non esistono più, sei la vittima predestinata dell’ineluttabile cambiamento odierno della massa lasciva e cieca, ormai decisa ad abbandonarsi al gusto, alla preferenza vera, non schermata dai doveri imposti dal modello di cui sopra !

Cedi, ora: è inutile resistere.

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Lei e le ferie scarburate

No Comments

Ho speso una settimana di ferie.
Le ho spese al meglio, scrivendo, vedendo film (con il favoloso picco di 4 in un giorno), godendo dei saldi mentre il resto del mondo, o quasi, lavora, girando ore in libreria, leggendo incipit e finali di libri, immaginando il mio, fantasticando, incrociando lo sguardo degli altri clienti con un fare tipo “ehi, ciao, se qui per un autografo ? Cosa vuoi che scriva?, come è il nome?”.

Ho mangiato alla tavola calda cinese, dormito spesso fino alle 13, gustato Roma fra feste e lavoro, negli orari in cui l’ho sempre vista poco, anzi , quasi mai.
E certe zone sono sul serio diverse.

Per esempio, Trastevere, di giorno, chessò, alle 12.40, esiste comunque !!!

Ho comperato pantaloni e scarpe nuove (Clarks) nella speranza che lei, vedendomi così’ anni 80, si muovesse a compassione e che mi accompagnasse in un sabato mattina fra i vicoli di Roma, nei mercati rionali, al forno del quartiere, per mangiare “pizza e mortadella”.
Ma lei come tutte le più belle è da corteggiare a lungo, lei da e dopo toglie, ti fa innamorare e poi ti lascia solo a rimuginare di notte con i tuoi dubbi sul mondo e sulla gente.

No, lei non è Loretta, stavolta.
Lei è una vespa 50 special, colore ovviamente bianco, trito di ricordi e sensazioni di tanti capelli fa: pomeriggi in piazzetta,le prima guide dei mezzi a marce, i motori da truccare, Roma anni 80 ormai sparita.
Ricordi non troppo sbiaditi di un tempo favoloso che, come tutte le cose più belle, ormai non c’è più.
Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Routine

No Comments

 

…contenuto riservato ad un pubblico adulto…
Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Quesiti esistenziali: perché mangiano la pizza strappandola con le mani?

1 Comment

Ed eccoci ad un altro dubbio che attanaglia la specie umana tutta….

 

Credo ci siano due inequivocabili segni di sopraggiunta anzianità:

  • interesse per i cantieri stradali (di cui al nostro precedente post)
  • mangiare la pizza strappandola dall’incarto con le mani

No, sul secodno punto non dite che dipende dalla dentatura, dentiera etc anche perché spesso la protagonsita del tutto è la pizza bianca, di suo abbastanza morbida da non far rischiare scomodi inconvenienti….

Quindi..perché gli anziani mangiano la pizza strappandola con le mani ?

 

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Due conti con Monti: quanto ci costa davvero la manovra?

No Comments

E’ di qualche giorno fa la notizia e la conseguenza certezza che l’Italia ha rischiato il fallimento (il default, tanto per mischiare le carte e far sembrare tutto meno grave).

Governo di tecnici, come si dice in gergo: correre ai ripari, tasse, controlli, buoni intenti.

Il problema è però l’atteggiamento, la cultura nazionale della frode: dal giorno dopo il ventilato aumento della benzina, la benzina è davvero aumentata.

Solo successivamente se ne è avuta la certezza e solo dopo circa una settimana è stato reso pubblico il testo della manovra nelle sue varie articolazioni.
Ovviamente pochissimi si sono accorti di questo e nessuno fra carta stampata, web e tv si è degnato di notare quanto successo quantomeno con l’intento di stimolare le riflessioni.

Ma forse è vero, l’Italia ha subito la fuga dei cervelli. Il problema, diceva qualcuno, sono i corpi che sono rimasti qui !
Continua a leggere….

Condividilo....Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone

Articoli più vecchi Articoli più recenti


free counters